Si è tenuta ieri, 7 gennaio 2008, a Praga, alla presenza del primo ministro ceco Mirek Topolánek e del presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso, l'inaugurazione ufficiale dell'Anno europeo della creatività e dell'innovazione 2009 il cui slogan è "Immaginare. Creare. Innovare".
L'European Year of Innovation and Creativity (EYCI) mira ad accrescere la consapevolezza dell'importanza della creatività e dell'innovazione nello sviluppo personale, sociale ed economico, in particolare in un contesto di concorrenza globale e di sfide per la crescita, e quindi di stimolare il dibattito e favorire l'istruzione e la ricerca. 
Creativitaly, collettore di realtà istituzionali e private che ha trattative in corso riguardo a alcune iniziative da sviluppare sul connubio creatività-innovazione in Italia, era presente alla cerimonia d'apertura con Daniela Montagner e Massimo Soriani Bellavista, che ha dichiarato: ‘Durante la tavola rotonda della mattinata con gli Ambasciatori dell'EYCI è emerso un approccio multifattoriale e variegato sul concetto di creatività, mentre nel proseguo della giornata, un grande sforzo da parte delle Istituzioni europee per dar slancio a questa iniziativa, che non prevede un budget dedicato'.
Nella tavola rotonda, moderata da Esko Aho, Vice Presidente Nokia già primo ministro finlandese, hanno partecipato nove Ambasciatori dell'EYCI tra cui l'inventore Karlheinz Brandenburg, il ricercatore Dominique Langevin, lo scultore-architetto e designer Ernő Rubik, il regista e sceneggiatore Radu Mihăileanu e Edward de Bono, considerato uno dei massimi studiosi del pensiero creativo mondiale, che ha affermato: ‘Sento molto spesso parlare di complessità legata ai processi di creatività e innovazione, penso sia un errore, in quanto la creatività e l'innovazione hanno bisogno di un approccio semplificatore' e aggiunge: ‘quello che è importante per le aziende in questo momento è la ‘creatività delle idee'.
Ernő Rubik ha dichiarato: ‘Tutti parlano, anche troppo, di creatività ed innovazione, ma la domanda che dovrebbe essere antistante è questa: per farci cosa?'.
 
Accedi all'area riservata
Oppure Registrati